tralevolte

Switch to desktop Register Login

5 ottobre 2013

Silvia Stucky. La forma dell’acqua

a cura di Francesco Pezzini e Alessandra Scerrato

 L’evento è costituito di 2 parti:

—     un’opera permanente nel giardino della Scala Santa;
—      una mostra di opere fotografiche a TRAleVOLTE.

Nel giardino della Scala Santa sarà realizzata un’opera che comprende vari elementi: una pietra naturale trasformata in tsukubai 蹲踞, un cespuglio di bambù, un cespuglio sempreverde, ciottoli, cinque lastre di travertino, prato verde.
Nello spazio espositivo TRAleVOLTE sarà allestita una mostra di opere fotografiche.
Le foto, scattate da Silvia Stucky, nel 2009 in occasione del suo secondo viaggio in Giappone, sono ‘ritratti’ di tsukubai, e vedute e particolari di famosi giardini a Kyoto e Nara.

 L’evento si aprirà il 5 ottobre 2013 in concomitanza con la IX Edizione della Giornata del Contemporaneo.

La mostra resterà aperta fino al 19 ottobre 2013, lunedì-venerdì, ore 17-20

Un’opera permanente nel Parco della Scala Santa

L’evento è costituito di 2 parti:
-          un’opera permanente nel giardino della Scala Santa;
-          una mostra di opere fotografiche a TRAleVOLTE

L’elemento principale di quest’opera è uno tsukubai蹲踞.

 

 

Accoglienza e umiltà sulla Via della pace

 

Siamo grati a Tito e ai Padri Passionisti che hanno voluto accogliere questa opera permanente nel Giardino del Convento dei Passionisti alla Scala Santa.

 

Questa opera è pensata come un legame fra uomo e natura, fra Oriente e Occidente, e vuol essere un forte messaggio di dialogo fra differenti spiritualità sulla via della pace; essa tuttavia si inserirà con discrezione in un angolo nel giardino.

 

Disporsi alla ospitalità è il primo passo da compiere per conoscere altre culture. Tutte le religioni riservano un posto particolare al tema dell’ospitalità. L’opera nel giardino della Scala Santa accoglie al suo interno, come uno dei suoi elementi principali, uno tsukubai 蹲踞, una pietra grezza in cui è stata scavata una cavità per l’acqua.

 

Sempre presente nei giardini delle stanze del tè e anche in altri tipi di giardini giapponesi, lo tsukubai ha funzione di purificazione attraverso il lavaggio delle mani. La sua posizione spesso bassa obbliga la persona ad accovacciarsi in segno di umiltà.

 

Queste caratteristiche dello tsukubai creano un simbolico legame con la conca per l’acqua santa, anch’essa simbolo di purificazione, presente nelle chiese e alla Scala Santa. 

 

Pietra e acqua sono ritenuti in Oriente i fondamenti del paesaggio, gli elementi primi della natura, opposti eppure complementari, in continuo e reciproco legame nell’infinita mobilità e ciclicità della natura di cui anche noi facciamo parte.

 

Francesco Pezzini, Alessandra Scerrato, Silvia Stucky